chimichurri

Il chimichurri argentino

Ci son cibi che nemmeno a pronunciarli vien voglia di assaggiare. Altri, invece, che ti parte una capsula dentale ma poi ti rendi conto che ne è valsa la pena superare il limite linguistico. Poi ci sono cibi che solo il nome porta simpatia. Il chimichurri per esempio.

Il chimichurri potrebbe essere il nome dell’ ultima avventura dei Minions, o il nome di un cagnolino formato tascabile o, perché no, la prossima ambita meta esotica.

E invece no!

Il chimichurri è il nome di una famosa salsa a base di prezzemolo con cui viene accompagnata la leggendaria carne argentina. Di versioni ce ne sono molte e quella che vi racconto qui è la mia miglior versione.

chimichurri

chimichurri

INGREDIENTI:

  • 80 gr prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 cucchiaino di paprika ( io ho usato la paprika affumicata Pimenton de la vera)
  • ¼  cucchiaino di noce moscata
  • ½ cucchiaino di cannella
  • ½ cucchiaino di peperoncino ( io ho usato Peperoncino chipotle Jalapeno rosso)
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 100ml d’olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale
  • 6/7 pomodorini

Mettere tutti gli ingredienti (tranne i pomodorini ) in un mixer e frullare fino ad ottenere una salsa omogenea simile ad un pesto. Se avete tempo e pazienza si può fare anche con un mortaio.

Tagliate i pomodorini ( a piacimento) si possono utilizzare anche peperoni)  a pezzettini ed aggiungeteli al chimichurri.

chimichurri

Servire come salsa d’accompagnamento con la carne grigliata.

Il chimichurri è ottimo anche come condimento della pasta ma anche spalmato su delle bruschette per l’aperitivo. Inoltre, congelato in cubetti del ghiaccio, può essere utilizzato al bisogno per insaporire minestre e brodi.

Rispondi